Novità
Risparmia con

Mappa

Filtri

Tipologia Struttura Sanitaria

Certificazioni

Comfort alberghieri

Info utili

Parcheggio

Accessibilità

Cos'è il colesterolo totale (o colesterolemia totale)?
Il dosaggio del colesterolo totale (o della colesterolemia totale, come più precisamente viene definito l’esame) misura la concentrazione del colesterolo complessivo nel sangue, sia nella sua forma LDL (cosiddetto colesterolo cattivo) che in quella HDL (cosiddetto colesterolo buono).

Quando il colesterolo totale deve preoccupare
Il colesterolo in eccesso nel sangue tende a depositarsi sulla parete delle arterie, dando luogo alle placche ateromatose che possono ostacolare il passaggio del sangue e rilasciare frammenti capaci di occludere piccoli vasi a distanza. Questi fenomeni sono alla base dell’insorgenza dell’infarto miocardico, delle trombosi e dell’ictus cerebrale
Pertanto, mantenere i livelli di colesterolo nella norma è essenziale per prevenire malattie cardiovascolari e cerebrovascolari. Purtroppo, un eccesso di colesterolo nel sangue produce sintomi apprezzabili sono nel lungo periodo e solo quando danni al sistema cardiovascolare e cerebrovascolare sono già stati innescati. Ecco perché è necessario sottoporsi all’esame per il suo dosaggio laddove sussistono le indicazioni e con la frequenza stabilita dal medico.

Valori normali per l’età: quanto deve essere il colesterolo totale in una persona
A seconda del valore che risulta dall’esame, secondo le linee guida più recenti prodotte dalle principali società scientifiche internazionali è possibile definire la concentrazione del colesterolo totale negli adulti:
  • Desiderabile: colesterolo totale inferiore a 200 mg/dL (5,18 mmol/L), correlato ad un basso rischio di malattia cardiovascolare;
  • Borderline: colesterolo totale compreso fra 200 e 239 mg/dL (5,18 – 6,18 mmol/L), correlato ad un rischio moderato di malattia cardiovascolare; per capire meglio le cause e identificare il trattamento appropriato, può essere utile in questo caso dosare il colesterolo HDL e il colesterolo LDL;
  • Elevata: colesterolo totale maggiore o uguale a 240 mg/dL (6,22 mmol/L), correlato ad un alto rischio di malattia cardiovascolare; anche in questo caso il dosaggio del colesterolo HDL e del colesterolo LDL può aiutare a capire la causa dell’alterazione.
Nei bambini dai 2 ai 17 anni, i range in cui sono ricompresi i valori di colesterolo totale diventano:
  • Desiderabile: minore di 170 mg/dL;
  • Limite: compreso fra 170 e 199 mg/dL;
  • Elevato: è alto quando superiore a 200 mg/dL.
Questi range tengono conto della variabilità individuale nei valori del colesterolo totale legata a fattori genetici. La fluttuazione fino al 10% fra un controllo ed il successivo può essere considerata fisiologica e non viene necessariamente diagnosticata come miglioramento o peggioramento della condizione di ipercolesterolemia.

Quando si fa il colesterolo totale
L’esame può essere prescritto a persone nell’ambito di controlli generali, non legati ad uno specifico sintomo o a una diagnosi. 
Oppure a pazienti con fattori di rischio (storia familiare di malattie cardiovascolari o ictus, fumo, sovrappeso o obesità, diabete, età superiore ai 45 anni per gli uomini e 55 per le donne) o che già sono stati diagnosticati con malattie cardiovascolari (pregresso infarto, ipertensione, aneurisma,…).

Come viene eseguito l’esame e la preparazione
Il campione di sangue viene prelevato da una vena del braccio a digiuno nelle 9-12 ore precedenti ma senza una specifica preparazione. 
Nelle ore di digiuno è comunque consentito bere acqua.
Se devi sottoporti all’esame per il dosaggio del colesterolo totale e stai assumendo una terapia farmacologica o degli integratori alimentari, consultati con il tuo medico per capire se come comportarti in merito.
Continua a leggere